Dicerie Melfitane - melfi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Detti Popolari

Së vu fà na bbona mangiatë haja scì da tatë! - (Se vuoi fare una buona mangiata, devi ritornare da tuo padre!). L'ambiente familiare rende squisite anche le pietanze più semplici.

Casa strettë ficchëtë mmizzë - (Casa stretta ficcati in mezzo). E' un invito a non scoraggiarsi, sopratutto nelle difficoltà e nelle ristrettezze.

Quannë së mangë së cummuattë chë la mortë - (Quando si mangia si combatte con la morte). E' un avvertimento dei genitori ai figli di non parlare e non ridere mentre si mangia.

Jè megljë a ffarlë nu vëstitë ca na mangiatë - (E' meglio comprargli un vestito che portalo a cena). Si dice di un ingordo e si paragona un vestito nuovo ad un invito fuori a cena;

Chi së corchë chë rë ccrejàmë la matënë së trovë zëlatë - (Chi si corica con i bambini, la mattina si trova con la cacca addosso). Chi ha a che fare con persone immature e poco serie è destinato a fallire negli intenti.

Cunzëgljë dë volpë, stërmënjë dë haddënë - (Consiglio di volpi, sterminio di galline). Si dice di persona che si uniscono fra di loro in affari poco puliti, allo scopo di arrecare danno al prossimo.

La fèmënë mettë la forchë e l'omënë së vajë a nbennë - (La femmina mette la forca e l'uomo si va ad impiccare). La donna utilizza mezzi per circuire l'uomo per portarlo al matrimonio.

La haddenë facë l'uvë e a lu haddë lu vruscë lu culë - (La gallina fa l'uovo e al gallo brucia il culo) - E' indirizzato a coloro che si lamentano senza averne ragione.

Lu scarparë vajë chë rë scarpë rottë - (Il calzolaio va con le scarpe rotte) - Dicesi con ironia che gli artigiani, pur di badare al proprio guadagno non badano a se stessi.

Chi sputë ngilë, mbaccë lë venë - (Chi sputa verso l'alto in faccia gli ritorna) - E' un'avvertimeto, se parli male di una persona più potente di te, pagherai le conseguenze al contrario.

No m'affliggë l'anëmë - (Non mi infastidire). Si dice a chi infastidisce o disturba

Non tënè manghë na magljë - (Non ha nemeno una maglia). Non possedere nulla, nemmeno un indumento.

Quandë në vedë, tantë në volë - (Quante ne vede, tante ne vuole). Si dice di chi ha una spiccata attrazione verso le donne, ma non sempre riesce a conquistarle.

Ha parlatë Ggiuuannë capisscë! - (Ha parlato Giovanni che capisce tutto) Si dice in tono ironico a chi pretendere di sapere tutto su qualsiasi argomento.

A lavà la capë a lu ciuccjë së perdë acquë e saponë - (A lavare la testa dell'asino, si perde acqua e sapone). Aiutare qualcuno a capire un argomento senza successo, tentare inutilmente di correggere qualcuno.

Tënè panë e ffurcë mmanë - (Avere pane e forbici in mano). Avere tutti i poteri: il pane come figura del sostento materiale ovvero il denaro. Le forbici come simbolo dell'autorità della censura.

Oscë sò dë salviettë (Testuale: Oggi sono di tovagliolo). Viene detto da chi è invitato ad un matrimonio.

Chiamà lu quanë vecchjë: ciuciù - (Chiamare il cane vecchio ciuciù [cagnolino]). Cercare di ingannare una persona più esperta, far passare una persona anziana per ingenua.

A mè, a tè e u sacchë n'derrë - (A me, a te e il sacco a terra). Riferito a un lavoro da svolgere da più persone, ma che non viene fatto da nessuna delle parti.

Essë cumë nu sparpaglionë - (Essere come un pipistrello). Dicesi di persona che cammina senza avere una meta precisa.

Maledizioni più comuni

Puzza scattà 'ngurp - ( Che tu possa avere una male alla pancia)

T pozzn addù sopa na seggia ( Che possa ritornare sopra una sedia a rotelle)

S'andonio t'hadda appiccià da sott ( Augurare di ammalarsi del fuoco di sant'antonio)

T pozza vnì na pupeta a la leng ( Agurare di non riuscire più a parlare)

T'hadda pahà la camban de lu cuarmn  ( Augurare la morte ad una persona- La chieda del carmine è conosciuta come quella dei funerali)




 
Torna ai contenuti | Torna al menu